calpestio-usura

Calpestio e usura del tappeto erboso

Vietato calpestare il prato?

Mantenere un tappeto erboso uniforme è molto difficile quando vi è passaggio ripetuto di mezzi e persone.

Il calpestio infatti genera degli effetti che possono portare al diradamento fino alla scomparsa della copertura erbosa. Per fare un esempio, è esattamente ciò che si succede quando si forma un sentiero o una pista battuta per il passaggio di persone, mezzi o animali.

Questa azione di passaggio comporta 2 effetti:

  1. Compattazione del suolo
  2. Danni meccanici alla vegetazione

C

Compattazione del terreno

Quando si ha compattazione del suolo, si creano delle condizioni inospitali per le piante, in quanto il substrato presenta una scarsa capacità di ossigenzaione, oltre a ritenzione idrica ed elevata resistenza meccanica alle radici.

Cause ed effetti

In terreni molto bagnati, l’acqua riduce la porosità attraverso l’azione di scorrimento delle particelle.

In queste condizioni il terreno risulta difficile da ricolonizzare per le piante circostanti, mentre le piante residue sopravvivono a fatica. Le più tenaci mantengono apparati radicali superficiali, con conseguente maggior rischio di colonizzazione da parte di infestanti a ciclo stagionale breve.

Soluzione

La decompattazione del suolo è l’unico rimedio.

D

Danni meccanici alla vegetazione

Come anticipato, i danni meccanici dovuti all’azione di mezzi, uomini o animali, sono la seconda causa di usura del tappeto erboso.

Cause ed effetti

Possiamo dividere i danni in due categorie: i danni di forte intensità, localizzati ma infrequenti, e i danni dovuti ad un’azione di usura localizzata e reiterata.

Esempi di danni di forte intensità ma infrequenti sono le attività sportive (campi da calcio, da rugby, circuiti per l’equitazione, ecc.), dove un singolo evento può avere un forte impatto. Si pensi ad esempio ad un campo dove viene disputata una partita di rugby subito dopo una forte pioggia. Se il terreno non ha un buon drenaggio, sarà il suolo stesso a richiedere una risistemazione (a volte anche una risemina).

Quando si hanno dei traumi ripetuti la situazione è più complessa. Il passaggio continuo in un’area circoscritta provoca non solo compattazione del suolo, ma può causare  la rottura meccanica di parti della pianta con conseguente perdita dell’attività fotosintetica o anche la degenerazione di tessuti da cui la pianta può produrre nuove foglie e radici.

Soluzione

Queste sono le principali azioni agronomiche da effettuare per contrastare lo stress da usura.

a) Prevedere un buon drenaggio del terreno

b) Scegliere specie resistenti al calpestio, sia nelle nuove semine che nelle rigenerazioni

c) Effettuare concimazioni bilanciate e ricche di potassio: in questo modo si promuove lo sviluppo dell’apparato radicale

d) Gestire con accortezza l’irrigazione, evitando idratazioni solo superficiali

Varietà adatte a tappeti erbosi soggetti a calpestio

La tolleranza allo stress da usura è dato da fattori come resistenza e capacità di recupero. Infatti le varietà identificate come maggiormente resistenti si distinguono per alcune caratteristiche fisiologiche, che sono:

Corona più bassa (e quindi più protetta nel terreno)

Cellule e tessuti più robusti

Tendenza all’infeltrimento (attenua i danni meccanici)

Comportamento aggressivo

Apparati radicali profondi e sviluppati che permettono una migliore capacità di ripresa

LandscaperPro Performance

Il miscuglio ideale per terreni ad uso sportivo e ricreativo

Caratteristiche

Ideale per nuove realizzazioni di prati sportivi e ornamentali
Tollera stress termici ed idrici
Ha una apprezzabile colorazione verde scuro
Recupera velocemente
Buona ripresa primaverile

Scopri Performance

 

Forse potrebbero interessarti:

Le varietà di sementi ICL per il tappeto erboso

Generare un nuovo impianto: fasi e scelta delle sementi

Hai trovato interessante questo articolo? Condividilo sui social!